Riforma pensioni/ I pareri contro la proposta Mucchetti – Il Sussidiario.net

I PARERI CONTRO LA PROPOSTA MUCCHETTI

La proposta di Massimo Mucchetti di una riforma pensioni che consenta di versare dei contributi volontari in modo da aumentare il loro futuro assegno pensionistico non convince Giuliano Cazzola, che in una lettera al Foglio, che aveva ospitato la proposta dell’ex Senatore del Pd, ricorda come il sistema previdenziale italiano sia a ripartizione e che pertanto i contributi volontari versati finirebbero per finanziare le pensioni in erogazione e non quelle future. Natale D’Amico, sullo stesso quotidiano evidenzia che “proposte fantasiose come quella di Mucchetti rischiano di travolgere il sistema, accrescendo i rischi caricati sulla generalità dei contribuenti”. Del resto sarebbero loro a essere “chiamati a coprire la differenza fra i contributi volontari che saranno versati domani e le pensioni integrative maturate da chi versa oggi”. Al momento, quindi, quanto suggerito da Mucchetti non sembra trovare sostegno, anche se non è da escludere che lo stesso giornalista possa spiegare meglio la sua proposta nei prossimi giorni.

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI PROIETTI

In vista del confronto Governo-sindacati in programma il 27 gennaio, Domenico Proietti spiega la propria contrarietà a una riforma pensioni con Quota 102 evidenziando come sia necessaria una flessibilità tra 62 e 63 anni, come avviene nel resto d’Europa, “dove la media d’accesso è 63 anni. Ciò si può realizzare anche analizzando le diverse tipologie di lavoro, riprendendo cioè a far lavorare adeguatamente la commissione scientifica sui lavori gravosi, per arrivare dopo l’approfondimento a una flessibilità più diffusa che risponda alle esigenze dei lavoratori”. Intervistato da Tiscali notizie, il Segretario confederale della Uil ricorda che i sindacati hanno “molto a cuore il tema delle future pensioni dei giovani”, “per questo abbiamo avanzato proposte per un intervento di contribuzione figurativa per loro che coprano i buchi derivanti dalla precarietà dei rapporti di lavoro di questi anni.

LE MISURE PER DONNE, ESODATI E PRECOCI

Proietti non nasconde poi l’esistenza del “problema delle donne che nel nostro sistema previdenziale continuano ad essere i soggetti più penalizzati. Noi proponiamo di valorizzare, ai fini della contribuzione, il lavoro di cura e la maternità. Abbiamo proposte precise”. Dal suo punto di vista, inoltre, “bisogna naturalmente completare la vicenda degli esodati mettendovi positivamente fine. Sono rimaste poche migliaia di persone e va completata la salvaguardia”. “C’è infine, ma non ultimo per importanza, il tema dei 41 anni di contribuzione. E’ veramente assurdo che una persona con 41 anni di contribuzione non possa andare in pensione, a prescindere dall’età”, aggiunge il sindacalista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Source: ilsussidiario.net

Share:

Geef een reactie