Elezioni in Spagna, i risultati secondo i sondaggi: socialisti primi ma in calo, Vox passa dal 10 al 14%

Si sono chiusi alle 20 i seggi in Spagna per le elezioni politiche, le seconde convocate nell’anno solare 2019 (le ultime risalgono ad aprile). Con il 63,7% dei seggi scrutinati si conferma la vittoria del Psoe, con risultati lievemente migliori degli exit poll, e il balzo in avanti di Vox, con qualche seggio in meno rispetto ai primi dati. I socialisti avrebbero il 28,9% (124 seggi), seguiti dai popolari del PP con il 20,6% (83 seggi). Terza l’ultradestra di Vox, con il 14,9% dei voti e 52 deputati, mentre Podemos avrebbe il 10,8% dei voti e 28 seggi. Ciudadanos si ferma al 6,5% dei consensi, pari a dieci seggi.

I risultati

In base a questo scenario nessuno dei due blocchi, nè il centrosinistra (Psoe e Podemos) nè il centrodestra (popolari, Vox, Ciudadanos) avrebbe la maggioranza. Se questo esito fosse confermato, ago della bilancia sarebbero i parlamentari indipendentisti catalani. Il voto che avrebbe dovuto dare stabilità alla Spagna rischia quindi di portare ancora più confusione nello scenario politico iberico.

I seggi

Una prima stima dei seggi (in Spagna si vota con un sistema proporzionale puro e sbarramento al 3%) attribuisce ai socialisti 124 seggi posti in Parlamento su 350 (contro i 123 di aprile), 83 ai popolari (erano 66) e più di 50 a Vox (ne aveva 24, quindi raddoppia).

Come si è arrivati a elezioni

Le nuove elezioni sono state convocate dopo che in quelle del 28 aprile scorso non si era formata una maggioranza per far nascere un governo. Per uscire dallo stallo politico, il premier Pedro Sánchez ha allora convocato nuove elezioni generali, le quarte in quattro anni. Sono circa 37 milioni gli aventi diritto che sono stati chiamati alle urne per scegliere 350 deputati e 208 senatori (il Senato, però, in Spagna non vota la fiducia al governo). L’affluenza è stata per tutto il giorno in calo rispetto alla precedente tornata dell’aprile 2109: alle 18 si era recato ai seggi il 56,8% degli aventi diritto contro il 60,7 di sei mesi fa.

Leggi anche

10 novembre 2019 (modifica il 10 novembre 2019 | 21:52)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Source: corriere.it

Share:

Geef een reactie

Het e-mailadres wordt niet gepubliceerd. Vereiste velden zijn gemarkeerd met *